Avvistato a Olivone bosco sopra Arcobaleno direzione Lucomagno

Regolo Comune avvistato il 5 aprile 2019 a Olivone

Coi suoi 8,5-9,5 cm di lunghezza, per 4,6-7,1 g di peso e un'apertura alare di 13,5-15,5 cm, il regolo rappresenta il più piccolo uccello europeo

Avvistato su albero sopra strada dopo primo curvone che da Olivone porta a Camperio

Zigolo giallo avvistato il 6 Aprile 2019 sopra Olivone

Lunghezza 16-18,5 cm; ala 8,5-9,2 cm; apertura alare 26–30 cm; coda 7,5–8 cm; tarso 19–20 mm; becco 11–12 mm; peso 24-34 g

Avvistato su di un guardrail sulla strada che porta da Olivone a Camperio

Gufo reale avvistato il 5 febbraio 2019 sopra Olivone

È la specie di gufo più grande con un'apertura alare da 1,60 fino a 2.5 metri per gli esemplari femmine più grandi, ed un'altezza che varia negli adulti dai 65 agli 80 centimetri. Il peso degli adulti varia da 1,55-2,80 kg per i maschi e 1,75 fino a 4,20 kg per le femmine nelle zone nordiche

Si aggira nei cieli sopra Olivone - basta alzare gli occhi

Nibbio vive nei cieli sopra Olivone da marzo ad ottobre

Il nibbio bruno è grande 55 – 65 cm e ha una apertura alare di 140 – 150 cm. Il suo peso corporeo ammonta a circa 600 - 1.000 grammi. Può arrivare all'età di 20 anni. Ha una coda biforcuta che tuttavia non è così incisiva come nel nibbio reale. La coda viene usata come timone. Il piumaggio è molto scuro e le punte delle ali sono di colore nero.

Vivono nel parco/giardino del nostro Cuore Alpino e il mattino vi svegliano con le loro chiacchiere!

Ballerina bianca o Batticoda vive nel nostro giardino al Cuore Alpino!

Grande quanto un passero; forme slanciate con lunga coda e colorito bianco, nero e grigio piuttosto contrastato. Corre rapidamente e agita spesso la coda con un movimento ritmico. Becco sottile ed appuntito.

Vive nel nostro parco/giardino al Cuore Alpino. Più discreta della Ballerina bianca

Cinciallegra vive nel nostro giardino al Cuore Alpino

Sono uccelli che non superano i 20 cm di lunghezza. La cinciallegra (Parus major, a destra) è la specie più conosciuta e tra le più grosse. I colori sono variabili e vanno dal grigio con la testa nera per le specie americane (come Poecile gambeli e Poecile atricapillus) al marrone per alcune specie europee. Molto caratteristico è il disegno sul capo, dove talvolta è presente una cresta.

Avvistata a Olivone Percorso Vitae e nei boschi prima di Dötra

Gazza Ladra (Pica pica) avvistata il 18 Aprile 2019 a Olivone

La gazza, nota anche come gazza ladra o gazza eurasiatica è un uccello passeriforme della famiglia dei corvidi. Misura 46–50 cm di lunghezza (dei quali la metà spettano alla coda), per 161-268 g di peso e un'apertura alare di 52–62 cm: a parità d'età, i maschi sono più massicci e pesanti rispetto alle femmine. La gazza è molto curiosa e intelligente. Le gazze, infatti, mostrano rituali sociali complessi, che evidenziano la presenza di cognizione sociale, immaginazione, memoria episodica, autoconsapevolezza e perfino del lutto. La dieta di questi uccelli è onnivora e molto opportunistica, componendosi grossomodo di tutto ciò che di commestibile l'animale riesce a reperire nel proprio territorio: le gazze mangiano granaglie, semi, frutta a guscio, ghiande, bacche e frutti, ma il grosso della loro dieta si compone di invertebrati (soprattutto coleotteri e ragni), carogne, uova e nidiacei di altri uccelli e piccoli vertebrati.

Avvistato femmina il 18 Aprile 2019 sotto Anveuda sulla strada mentre mangiava

Fringuello (Fringilla coelebs) avvistata femmina il 18 Aprile 2019 sotto Anveuda

I fringuelli sono uccelli essenzialmente monogami, nei quali spesso le coppie persistono nel tempo. I fringuelli si dimostrano piuttosto adattabili in termini di habitat, colonizzando tutte le aree in cui è presente della vegetazione e dell'acqua: li si trova nei boschi misti o decidui, nella macchia mediterranea, nei parchi, in campi coltivati e frutteti. Generalmente questi uccelli evitano le aree urbane, tuttavia, specialmente durante l'inverno, possono spingersi nelle città alla ricerca di cibo. La dieta del fringuello si compone in maniera più o meno equa di materiale di origine vegetale (principalmente semi e granaglie, ma anche bacche e germogli) e animale (insetti, larve, piccoli invertebrati): i fringuelli tendono a cercare e consumare il cibo al suolo. D'inverno, questi uccelli si avvicinano ai campi coltivati in cerca di cibo.